PUBBLICAZIONI SCIENTIFICHE

Pubblicazioni scientifiche sul sale

Il sale è un elettrolita (come gli acidi e le basi) con legami di tipo elettrostatico, dovuti cioè all’attrazione di ioni di carica opposta (Sodio Na+ catione, Cloro Cl- anione: questi fenomeni nascono da cessioni e da acquisizioni di elettroni fra gli atomi).

Il movimento caotico degli ioni salini nell’acqua consente la conduzione di corrente elettrica ed è fondamentale per i processi bio-elettrici, quindi per la vita organica ed in particolare per il funzionamento del cervello (cioè la possibilità di PENSARE e funzionalità dell’organismo anche inconscia).

Acqua e sale sono le basi biologiche e fisiologiche fondamentali per la vita.

Il sale più ricco di oligoelementi, estratto da acque marine che presentano condizioni particolari (es. sale del Mar Morto), o da antichi residui di mari essiccati come quello dell’Himalaya, è la fonte più energetica e salubre per l’essere umano.

Il fabbisogno di sale

L’organismo umano richiede sale da circa 0,2 a 5 grammi al giorno. I reni riescono ad eliminare il surplus fino a un massimo di circa 7 grammi. La carenza e l’eccesso portano a un malfunzionamento degli organi (per esempio il cuore: possibilità di infarti).

In Europa e stati industrializzati il consumo, indotto anche dal contenuto di alimenti conservati è fra 12 e 20 grammi al giorno ( per lo più si tratta di sale raffinato ).

Il sale dell'Himalaya è migliore del sale marino raffinato.

Il sale marino, anche integrale, purtroppo conserva tracce d'inquinanti (come presenza chimica/ionica o in risonanza, anche in assenza di materia fonte).

Si dovrebbe usare acqua di mare prelevata in punti incontaminati.

La salgemma, proveniente da giacimenti minerari (antichi residui marini inglobati nel terreno), garantisce l’assenza di inquinanti indotti da scarichi industriali e fognari. Tuttavia i componenti naturali (oligoelementi, ecc...) non sono ben amalgamati al reticolo ionico del sale (NaCl) se non c’è stata un'adeguata pressione da parte delle rocce sovrapposte come nelle miniere polacche, tedesche, austriache.

Il sale rosa himalayano viene estratto manualmente e successivamente ogni blocco di cristallo viene lavato in acqua purissima di sorgente ed asciugato al sole. Con un lavoro di grande impegno e pazienza, il cristallo di sale viene poi macinato a pietra e preparato per essere spedito.

Si deve percioò fare attenzione alla vera origine del sale; quello proveniente da altre miniere (polacche, tedesche ecc…) non ha la stessa qualità e proprietà del sale dell’Himalaya e non va bene per l’uso alimentare.

(Se è possibile, si può controllare se è presente il marchio “Wasser & Salz”, compagnia titolare delle miniere).

Halotherapy è stata applicata ad un trattamento di non-puntura a 45 pazienti con sinusite maxillare purulenta acuto. La risposta è stata valutata nei cambiamenti dei parametri di clinico-immunologi, in citologia, dei raggi X ed i parametri batteriologici. Halotherapy ha avuto un risultato efficace nel trattamento di sinusite maxillare purulenta acuta senza puntura.

PMID:13677023 [ pubmed- classificato per MEDLINE ]

L’uso di un alloggiamento con un microclima artificiale per un trattamento dei pazienti con le affezioni polmonari ostruttive croniche (COPD)

www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/?term=13677023

Chernekov RA, Chernekova EA, Zhukov GV.

Halotherapy è stato usato per la riabilitazione nel sanatorio in 29 pazienti con le malattie polmonari ostruttive croniche (bronchite ed asma croniche). Gli effetti positivi significativi di questo metodo hanno provocato il miglioramento della curva dei parametri del flusso-volume della funzione polmonare e gli effetti ipotesi su pressione sanguigna. Halotherapy è suggerito per uso in pazienti che soffrono dalle malattie polmonari ostruttive croniche con ipertensione o di malattia di cuore coronaria.

PMID: 9424823 [pubmed- classificato per MEDLINE ]

Le caratteristiche della dinamica di persistenza di stafilococchi sotto l’azione del microclima di una miniera di speleotherapy

www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/?term=9424823

Chernova OP, Matiushina SB, Volianik MN, Dimova SG, Kartashova VL.

Allergie respiratorie
Una diminuzione nelle caratteristiche di persistenza degli stafilococchi sotto l’influenza del microclima in una miniera è stata dimostrata nelle circostanze sperimentali. Le indagini cliniche hanno confermato la capacità di speleotherapy di fare diminuire la contaminazione microbica delle vie respiratorie superiori e di inibire le proprietà di persistenza della microflora stafilococcica in bambini con le allergie respiratorie che sembra essere la base dell’effetto positivo realizzato dal trattamento con il microclima in una miniera.

PMID:8771738 [ pubmed- classificata per MEDLINE ]

www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/?term=8771738

Speleotherapy


L’efficacia di speleotherapy nelle miniere di sale per i bambini con asma bronchiale basata sui dati delle osservazioni immediate e protratta

www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/8266663?dopt=Abstract

Abdullaev Aa, Gadzhiev KM, Eiubova Aa.

Speleotherapy è stata sottoposta a 216 bambini con asma bronchiale,curati nel clima delle miniere di sale situate vicino alla città di Nakhichevan. La valutazione dei parametri clinici,immunologi e funzionali ha indicato che i risultati migliori erano stati raggiunti nell’asma atopica consecutivamente con un decorso chiaro o moderato. I trattamenti di speleotherapy hanno notevolmente diminuito la sindrome bronco-ostruttiva con una ventilazione polmonare migliorata. Il miglioramento è stato dimostrato nella maggior parte dei pazienti. Il trattamento è suggerito per includere speleotherapy nelle miniere di sale nel trattamento delle riabilitazione dell’asmatico pediatrico.


PMID: 8266663 [ pubmed-classificazione per MEDLINE]

Halotherapy nel trattamento unito dei pazienti cronici di bronchite

www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/10439712?dopt=Abstract


Maev EZ, Vinigradov Nv.

Halotherapy è risultato essere un metodo molto efficace, il trattamento effettuato in una struttura sanatoria con dei pazienti con la bronchite cronica. Il relativo uso promuove la scomparsa delle manifestazioni cliniche della malattia, migliora gli indici della funzione dei polmoni, particolarmente quei valori dello sfiato che caratterizzano la conduzione bronchiale ( volume della forzata esalazione al secondo,index tiffno), aumenti di tolleranza al carico fisico, normalizza gli indici di ridotta immunità e conduce ad aumentare l’efficacia del trattamento nel paziente in sanatorio.


PMID: 10439712 [ pubmed- classificazione per MEDLINE]


Halotherapy per il trattamento delle malattie respiratorie

www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/?term=10439712

Chervinskaya Av, Zilber NA.

Università Medica Nazionale di San-Petersburg Pavlov, Russia.

Questo lavoro delucida le domande sull’elaborazione di un nuovo metodo non farmacologico di un trattamento per le malattie respiratorie. Halotherapy (HT) è un trattamento tramite il controllo dell’aria che simula un microclima naturale della caverna del sale. Il fattore curativo principale dell’aerosol asciutto del cloruro di sodio sono le particelle nel formato di mkm 2-5 . La densità delle particelle ( 0,5-9 mg/m3 ) varia con il tipo della malattia. Altri fattori basilari sono umidità e temperatura costanti, l’ambiente ipobatterico e libero d’allergene dell’aria saturato con gli aerei ioni. L’effetto di HT è stato valutato in 124 pazienti con i vari tipi di malattie respiratorie. Il gruppo di controllo dei pazienti: 15 ha ricevuto il placebo. Il corso di HT è consistito di 10-20 procedure quotidiane di un ora. HT ha provocato i miglioramenti della condizione clinica nelle maggior parte dei pazienti. La dinamica positiva registrata dei parametri, misurata dal bodyplethysmography, del circuito flusso-volume e la diminuzione di resistenza bronchiale. I cambiamenti nei parametri del gruppo di controllo dopo HT non erano statisticamente significativi. La specificità di questo metodo è la bassa concentrazione e la gestione graduale dell’aerosol asciutto del cloruro di sodio. Sono allo studio i meccanismi curativi per il trattamento delle vie respiratorie,in un ambiente con specifica dispersione nell’aria di cloruro di sodio.

PMID: 10161255 [pubmed-classificazione per MEDLINE ]



Speleotherapy: un genere speciale di climatotherapy, il relativo ruolo nella riabilitazione respiratoria

www.ncbi.nlm.nih.gov/entrez/query.fcgi?cmd=Retrieve&db=pubmed&dopt=Abstract&list_uids=3804603

Horvath T.

Speleotherapy, l’uso del clima delle caverne è una misura terapeutica accettata, ma non ampiamente conosciuta nel trattamento delle malattie ostruttive croniche della via aerea. Questo studio ricapitola le esperienze terapeutiche in più di 4000 pazienti che sono stati curati in un periodo di dieci anni in un complesso in Tapoica, in Ungheria nell’ospedale caverna.

Un miglioramento clinico marcato e duraturo e un recupero significativo dall’ostruzione delle vie respiratorie hanno potuto essere osservati nella stragrande maggioranza dei pazienti.

E stabilito che il microclima di alcune caverne può interessare favorevolmente questi disordini, ma la caverna dovrebbe essere considerata come ambiente ottimale per la riabilitazione respiratoria complessa.

PMID : 3804603 [pubmed- spostato ad incrementi per MEDLINE

www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/?term=3804603

Share by: